Le ricette di Roald Dahl

pot
(Nella foto: patate dolci caramellate)

Mi sono innamorata di questo libro.
A Mumbai (poi vi racconterò), in una libreria piccolissima dove sono stata una mattina intera a spulciare libri di ricette e di foto, improvvisamente da una pila polverosa è uscito questo libro. Costava pochissimo perché, a quanto pare, non interessava a nessuno. Non c’entra nulla con l’India. L’ho aperto perché mi piace moltissimo Roald Dahl.

copertina

L’avevo scoperto quando vivevo in Olanda. Avevo letto i suoi racconti “per adulti”, non quelli per bambini, che mi tenevano incollata alle pagine con colpi di scena agghiaccianti e un fantastico senso dell’umorismo, cattivissimo.

chocolate
(Nella foto: Charlie and the Chocolate Factory)

Sfogliando questo libro ho scoperto che era anche una persona generosa, un gigante (un metro e 98) buono che adorava mangiare e offrire deliziose cene – accompagnate da ottime bottiglie di vino – ai suoi amici e alla sua famiglia, che era grande, in una casa che portava il nome di Gipsy House.

rose_petal
(Nella foto: sorbetto di petali di rosa)

Aveva una madre eccezionale che aveva tirato su quattro figli da sola, che riusciva sempre a mettere in tavola piatti buoni e nutrienti, che portava la sua truppa in barca a pescare e che non si era mai persa d’animo, nemmeno quando nel giro di pochi mesi aveva perso una figlia e il marito.

pike
(Nella foto: Quenelles di luccio)

Le storie e le ricette sono bellissime, alcune da provare, altre solo da ammirare nella loro densa complicazione e ricchezza. Ma mi hanno fatto innamorare soprattutto le foto, con la loro atmosfera meravigliosamente retrò, con la loro luce particolarissima. Mi danno la sensazione di nature morte costruite con infinita cura, anche quando riproducono piatti genuini e semplicissimi. Sono state scattate da una fotografa che si chiama Jan Baldwin e che ha una lunga storia d’amore con la famiglia Dahl e anche con la fotografia gastronomica.

veg
Naturalmente nel libro non mancano neanche i disegni di Quentin Blake,  storico illustratore dei suoi libri, che ha contribuito con una ricetta: un coccodrillo commestibile ripieno di “deliziosi marmocchi”…

crocodile

Annunci